Il cielo di febbraio 2020

Di seguito trovi le riflessioni e le linee guida per il mese di febbraio 2020 e i consigli per organizzare le prossime settimane con l’aiuto dell’astrologia.
Febbraio avrà un tono relativamente tranquillo, visto che si verificheranno aspetti meno intensi, sia armonici che disarmonici, tra i pianeti rispetto a quelli degli ultimi mesi. Forse  questo clima ci darà modo di lasciare momentaneamente da parte le energie e gli eventi di gennaio, rivolgendo la nostra attenzione sui prossimi mesi. L’aspetto più frequente nel cielo di febbraio sarà il sestile, un aspetto di supporto, piuttosto agevole e di scarsa intensità.
La Luna Piena nel segno del Leone (9 febbraio) potrebbe alleggerire e illuminare l’atmosfera, facendoci ritrovare fiducia e centratura in noi stessi e reclamare il nostro posto. La Luna e il Sole, trovandosi nei segni opposti del Leone e dell’Acquario, saranno lasciati tranquilli dai pianeti in Capricorno, la cui enfasi è comunque ancora forte.
La Luna Nuova in Pesci (23 febbraio) sarà congiunta a Mercurio e ci darà accesso a una dimensione ricca di ispirazione, compassione, emozione. Rispetto al percorso da seguire,  saremo guidati dall’intuizione, anziché dall’emisfero sinistro.
Diversi pianeti cambieranno segno nel corso del mese:
3 febbraio: Mercurio entra in Pesci;
7 febbraio: Venere entra in Ariete;
16 febbraio: Marte entra in Capricorno;
19 febbraio: Sole entra in Pesci.
Mercurio resterà nel segno dei Pesci per circa 2 mesi: dal 17 febbraio inizierà il suo moto retrogrado, che lo riporterà in Acquario all’inizio di marzo, per poi ritornare diretto il 9 marzo e rientrare in Pesci (16 marzo), dove resterà per quasi tutte le 4 settimane successive. Avremo l’opportunità di ampliare la comunicazione e l’attività mentale nell’area del nostro tema natale, in cui cade il segno dei Pesci. Forse ci sentiremo più irragionevoli, distratti, confusi e disorganizzati, ma, superando l’iniziale frustrazione, potremmo scoprire di essere più intuitivi e inclini a esplorare sentimenti ed emozioni solitamente difficili da esprimere.
Marte farà il suo ingresso in Capricorno il 16 febbraio e vi resterà 6 settimane. Passando in questo segno motivato e realistico, Marte farà riemergere un senso di urgenza, pressione e intensità relativamente ai progetti a lungo termine. Marte, Giove e Saturno, tutti contemporaneamente in Capricorno, faranno pressione affinché restiamo concentrati nella realizzazione dei nostri piani.

Per chi ama osservare il cielo:
Stelle più luminose:
Il cielo è ancora dominato dalle grandi costellazioni invernali. Protagonista del cielo in direzione meridionale sono sempre Orione, Betelgeuse (rossa) e Rigel (azzurra).
Più in alto ci sono ancora le costellazioni del Toro con la rossa Aldebaran, la costellazione dell’Auriga con la luminosa stella Capella e i Gemelli con le stelle principali Castore e Polluce. A sinistra in basso rispetto ad Orione, nella costellazione del Cane Maggiore, brilla la stella più luminosa del cielo: Sirio. Ancora più in alto, verso sinistra, il Cane Minore, dove risplende Procione. Verso Ovest, nelle prime ore della sera, si vedono tramontare le costellazioni autunnali di Andromeda, del Triangolo, dei Pesci e dell’Ariete.
Prendendo a riferimento la Stella Polare, si riconoscono alcune  costellazioni del cielo settentrionale: a Nord-Ovest Cassiopea con la sua caratteristica forma a “W”; tra Cassiopea e il Toro si vede la costellazione di Perseo.
Più a Nord-Est si trovano l’Orsa Maggiore e la piccola costellazione dei Cani da Caccia.
Pianeti visibili:
Mercurio: visibile per circa un’ora dopo il tramonto, si riavvicina al Sole e il 26 febbraio si trova in congiunzione con esso.
Venere: è l’unico pianeta osservabile in orario serale.
Marte: è ancora osservabile prima dell’alba a Sud-Est.
Giove: visibile prima dell’alba sull’orizzonte sud-orientale.
Saturno: osservabile poco prima dell’alba sull’orizzonte a Sud-Est.
Congiunzioni visibili:
Luna–Marte: prima dell’alba del 18 febbraio;
Luna–
Giove: al mattino del 19 febbraio;
Luna–Saturno: la falce lunare è ormai molto sottile e la si può osservare al mattino presto del 20 febbraio tra Saturno e Giove, preceduti da Marte.
Luna–Venere: osservabile ad occidente la sera del 27 febbraio.

IMPORTANTE: Il sistema zodiacale astronomico e quello astrologico sono diversi. L’astrologia da secoli suddivide la cintura zodiacale in 12 segni di durata mensile, mentre l’astronomia nel XX secolo ha codificato 13 costellazioni di durata variabile. In pratica, per via della precessione degli equinozi, quando un pianeta astrologicamente si trova in Leone, nel cielo potrebbe trovarsi nel segno attiguo (per esempio nella costellazione del Cancro).

Photo by Vittorio Staffolani on Pexels

Luna nuova in Acquario (24.01.2020)

Ogni mese durante la Luna Nuova abbiamo l’opportunità di focalizzare le attività su cui concentreremo con intenzione le nostre energie. La Luna Nuova di dicembre e la Luna Piena di gennaio sull’asse Cancro-Capricorno erano ancora immerse nell’atmosfera densa delle eclissi e della stagione del Capricorno, mentre ora passiamo nella stagione più eterea e frizzante dell’Acquario (iniziata il 20 gennaio con l’entrata del Sole in questo segno).
Se nella stagione del Capricorno, resa ancora più intensa dalla congiunzione Saturno-Plutone di metà gennaio, avevamo sentito affiorare in noi delle resistenze al cambiamento o il bisogno di proteggerci dall’eccessiva pressione delle situazioni in corso, questa Luna Nuova in Acquario ci darà una spinta verso il futuro o ci farà sentire pronti a proiettarci in qualcosa di nuovo. Con il quadrato di Urano, moderno governatore del segno, entrerà in circolo un’energia elettrica, eccitante, capace di scuotere le nostre resistenze e ciò che è diventato stagnante, in particolare le abitudini e i soliti modi di pensare. Il vecchio ordine deve essere decostruito per far posto a qualcosa di nuovo e più autentico.
E’ la seconda Luna Nuova dal Solstizio d’inverno: con l’ingresso del Sole Acquario nell’emisfero nord il Sole inizia a salire più in alto e le giornate iniziano ad allungarsi. Allontanandoci dal groviglio di pianeti in Capricorno, l’atmosfera si fa più luminosa e leggera, abbiamo maggiore chiarezza, uno sguardo più ampio.
E’ tempo di revisionare gli obiettivi selezionati nel periodo del Capricorno e apportare le necessarie modifiche. Possiamo individuare sviluppi futuri o nuove strade da percorrere, anche solo per fare le solite cose, ma in modo diverso.
Da ora in poi possiamo iniziare a realizzare i progetti per il 2020, tenendo i piedi per terra e allo stesso tempo con il coraggio di fare qualcosa di diverso dal solito. L’Acquario ama le cose inusuali, le prospettive anticonvenzionali e non perde mai di vista il contesto più ampio in cui viviamo, la società. E’ il momento giusto per pensare in modo innovativo, parlare dei nostri progetti, liberare le nostre idee senza temere di essere giudicati. Le nostre imprese potrebbero essere insolite o potremmo entrare in contatto con persone diverse da quelle che solitamente frequentiamo, tentare collaborazioni e nuove strategie per realizzare i nostri obiettivi.
Il fatto che il novilunio anticipi l’ingresso di Saturno in Acquario (marzo-luglio) e la congiunzione Giove-Saturno in Acquario (esatta a dicembre 2020 e gennaio 2021), conferma il risveglio del nostro potenziale, che diventerà evidente dalla fine di quest’anno e nel corso del 2021.
Con la Luna Nuova in Ariete (24 marzo 2020) avremo modo di rifinire ulteriormente questo processo, ma sicuramente la Luna Nuova in Acquario ne rappresenta l’avvio. Questo novilunio ci spinge a domandarci quale sia il nostro posto nel mondo, il posto che si addice alla nostra vera natura e all’idea che abbiamo del nostro futuro.
Leggi tutto “Luna nuova in Acquario (24.01.2020)”

2020: Un anno di cicli astrologici importanti

Il 2020 inaugura un nuovo decennio e si presenta come un anno di grande intensità per via di 3 grandi congiunzioni di pianeti lenti (Giove, Saturno, Plutone) nei segni governati da Saturno (Capricorno e Acquario). Le grandi congiunzioni rappresentano momenti di fine e inizio di importanti cicli planetari. Queste configurazioni astrali sono orientate a creare pressione per darci una forte spinta in avanti e influenzeranno gli anni a venire.  Nella seconda parte dell’anno, da agosto a dicembre, Marte retrogrado in Ariete darà un’ulteriore scossa ai 3 pianeti protagonisti dei grandi cicli planetari: saremo sfidati ad affrontare ciò che ci impedisce di riconquistare il controllo e rimodellare la nostra vita. Tali  processi saranno visibili a livello sociale e politico. A livello personale saranno particolarmente interessati coloro che hanno pianeti o assi cardinali natali posizionati tra il grado 15 e 30 di Ariete, Cancro, Bilancia, Capricorno e coloro che li hanno nei gradi iniziali dei segni fissi (Toro, Leone, Scorpione, Acquario).
Pochi giorni dopo l’eclissi totale di Sole in Capricorno, l’anno si apre con l’imponente congiunzione Saturno-Plutone del 12 gennaio, contenuta in un raggruppamento di pianeti nello stesso segno. Questa potente energia di trasformazione delle strutture ormai obsolete nella nostra vita potrebbe far emergere un senso di impotenza o difficoltà nel mantenere il controllo nelle situazioni.
Ad aprile, sempre in Capricorno, si inaugura un nuovo ciclo Giove-Plutone. Questa congiunzione può modificare il nostro sistema di credenze ed espandere i nostri orizzonti.
Il 21 dicembre 2020, nel giorno del solstizio d’inverno,
 avverrà la grande congiunzione di Giove-Saturno a 0°28′ di Acquario, anticipata e potenziata dall’eclissi totale di Sole a 23° di Sagittario del 14 dicembre. Il ciclo di Giove-Saturno si ripete ogni 20 anni, aiuta a ricalibrare la direzione che la nostra vita sta prendendo, personalmente e socialmente, ispira un più costruttivo senso di comunità, getta le basi per un nuovo ordine collettivo. Negli ultimi decenni il ciclo si è aperto nell’elemento terra e nel 2020 passerà nell’elemento aria. Il segno della congiunzione, l’Acquario, suggerisce la necessità di trovare soluzioni innovative e lungimiranti per gli anni a venire ed elevare la coscienza collettiva. Mentre i precedenti cicli nei segni di terra erano focalizzati su questioni pratiche e finanziarie, ora idealmente potrebbe esserci una maggiore attenzione alla cultura, al vivere civile, al progresso, alle questioni sociali e all’emancipazione globale. I pianeti lenti non si trovano nell’elemento aria dal 2011. In mancanza di aria, sia sul piano collettivo che su quello individuale, mancano diplomazia, educazione e rispetto, un atteggiamento obiettivo e ragionevole, una chiara visione del futuro. La fine del 2020 in generale segna quindi il positivo riaffiorare a livello sociale di queste qualità.

L’area del tema natale individuale in cui avvengono queste importanti congiunzioni permette di comprendere in quale ambito della nostra vita si manifesteranno trasformazioni e novità. Per scoprire di più, prenota una consulenza astrologica personalizzata.

Photo by Faaiq Ackmerd on Pexels

Luna piena in Cancro (10.01.2020)

La prima Luna Piena del 2020 avrà luogo il 10 gennaio contemporaneamente a un’eclissi lunare e ad altri eventi astrologici importanti. Il plenilunio anticipa la grande congiunzione Saturno-Plutone (si ripete ogni 36 anni), che sarà esatta dal 12 gennaio e che sta portando le cose verso manifestazioni estreme in tanti ambiti della realtà. La Luna Piena nel segno del Cancro, trovandosi in opposizione a Sole-Mercurio-Saturno-Plutone nel segno opposto (Capricorno), ci costringerà a riflettere su questo momento di crisi a livello globale e/o personale. L’eclissi di Luna sarà di penombra parziale: attraversando esclusivamente la zona di penombra della Terra (senza essere occultata dal cono d’ombra), la Luna sarà meno luminosa, tuttavia sempre visibile. Come accennato, siamo ancora nella stagione del Capricorno (5 pianeti e il Nodo Sud si trovano in questo segno) e siamo ancora nel ciclo biennale delle eclissi sull’asse Cancro-Capricorno (iniziato a metà del 2018), che continuano a chiederci di individuare scelte realistiche e obiettivi a lungo termine. Occorre essere realistici e responsabili per non sentirsi poi sopraffatti, preoccupati: scartiamo quindi ciò che non coincide con le nostre priorità, ció che non è costruttivo, ció che non ci fa sentire bene.
Il 10 gennaio sarà una giornata particolarmente intensa, specialmente se questa Luna tocca punti sensibili del nostro tema natale. A partire dalla Luna Nuova di fine dicembre in Capricorno stiamo lavorando sui nostri obiettivi concreti, sulla nostra capacità di essere determinati e pragmatici. Ora il plenilunio in Cancro ci dà l’opportunità di integrare il polo opposto e perseguire un migliore equilibrio tra fatti (Capricorno) e sentimenti (Cancro), lavoro e vita privata, responsabilità e bisogni emozionali. Proprio in questo momento, così in bilico tra crisi effettive e potenziali, ascoltando le nostre emozioni, è importante riconoscere che cosa ci fa sentire al sicuro, che cosa nutre il nostro spirito, dove ci sentiamo veramente a casa (protetti e rilassati), chi ci fa sentire in famiglia, trasmettendoci un senso di connessione, appartenenza e familiarità. Questo puó aiutarci a guardare oltre le nostre limitazioni e paure più radicate, forse  legate all’infanzia o ereditate dal sistema familiare. L’eclissi  prepara la strada per i prossimi mesi e, rendendoci consapevoli o liberandoci di qualcosa, potrebbe portare alcuni di noi a cambi di direzione o svolte esistenziali. Chiediamoci: quali parti del mio passato mi ostacolano? A che cosa resto attaccato solo perchè è familiare? Che cosa succede quando nego o mi allontano dalle mie emozioni? Come posso prendermi meglio cura di me? Per potere affrontare al meglio questi tempi di crisi o assolvere impegni e responsabilità, avremo bisogno di raggiungere un senso di stabilità e radicamento. Questo sentimento di sicurezza nasce dalla fiducia di poter realizzare qualcosa di concreto nel mondo esterno, ma solo se allo stesso tempo siamo consapevoli di come o dove possiamo trovare nutrimento, connessione e protezione per affrontare queste sfide.
Le emozioni durante la Luna Piena sono sempre molto vibranti. Con il plenilunio in un segno d’acqua e insieme a un’eclissi lunare potremmo sentirci ancora piú emotivi e sensibili. L’importanza della sfera emozionale in questo caso è ulteriormente sottolineata dal trigono che la Luna forma con Nettuno. Questo trigono, oltre a rendere più accessibili e più forti le emozioni, può mettere ancora più in evidenza il bisogno di protezione o di liberare la nostra immaginazione ed evadere dalla realtà. Seguire il richiamo della creatività potrebbe lenire la nostalgia del passato, alcune ansie o tristezze radicate o un senso di limitazione.
Lo stesso giorno Urano nel segno del Toro diventa stazionario e tornerà presto diretto. Questo può farci comprendere che c’è un modo diverso per raggiungere la stabilità: nuove strade da sperimentare per realizzare i nostri obiettivi, per ottenere risultati, per approcciare più obiettivamente le nostre emozioni, per rinnovare ció che ci fa sentire al riparo.
Mercurio durante il plenilunio sarà esattamente congiunto al Sole (“cazimi” è il nome tecnico di questo fenomeno): quel giorno prestiamo attenzione a idee improvvise, conversazioni, incontri perché potrebbero essere favorevoli per ciò su cui ci concentreremo nei prossimi mesi.

Riepilogando: il mese iniziato il 26 dicembre con la Luna Nuova in Capricorno è un periodo pieno di prove pressanti e cambiamenti radicali dovuti all’intensità dell’energia fattiva del Capricorno, alle eclissi e alla congiunzione Saturno-Plutone. La Luna Piena in Cancro sembra ora dirci: “ciò che conta di più non è raggiungere i tuoi obiettivi o il successo nel mondo esterno, ma come ti senti quando li ottieni. La stabilità deriva dall’impegno a raggiungere un equilibrio tra sicurezza esteriore ed interiore”. Leggi tutto “Luna piena in Cancro (10.01.2020)”

Il cielo di gennaio 2020

Questo mese i pianeti personali (Sole, Mercurio, Venere, Marte) saranno posizionati nell’arco di segni compreso tra Sagittario e Pesci. L’asse Cancro-Capricorno è ancora enfatizzato, in parte per via delle eclissi in questi due segni, come già nell’estate e a dicembre 2019. L’energia del Capricorno resta anche a gennaio compatta e preponderante: oltre alla congiunzione di Saturno e Plutone e alla presenza di Giove e del Nodo Sud, nella prima parte del mese anche Mercurio e il Sole saranno ancora in questo segno. Con l’entrata di Mercurio e del Sole in Acquario, pur trattandosi di un  segno governato ancora da Saturno, avremo un passaggio dall’energia solida e terrena del Capricorno a un’energia più rarefatta ed elettrica. Anche l’entrata di Venere in Pesci e Marte  in Sagittario, segni governati da Giove, aiuterà a risollevare l’atmosfera, portando una ventata di ottimismo, dinamismo e sguardo in avanti, per bilanciare la rigida austerità del Capricorno. La lenta congiunzione di Saturno-Plutone costringe al confronto con vecchi problemi e situazioni.  E’ uno scuotimento sotterraneo e costante quello che sta avvenendo e, nel tempo, decostruirà e  trasformerà le strutture attuali. A fine mese il quadrato tra Marte e Nettuno ci farà sembrare le nostre azioni inefficaci, confuse, scivolose e ci potremmo sentire stanchi o con scarsa energia.

Vediamo i movimenti dei pianeti durante il mese di gennaio:

Marte entra in Sagittario (3 gen.) e a fine mese formerà un quadrato con  Nettuno;
Luna Piena in Cancro ed eclissi lunare di penombra (10 gen.) opposta a  Saturno-Plutone in Capricorno;
Saturno-Plutone congiunti a 22° di Capricorno (dal 12 gen.);
Venere entra in Pesci (13 gen.), segno della sua esaltazione, e formerà sestili con Urano e Giove;
Mercurio entra in Acquario (16 gen.);
Sole entra in Acquario (20 gen.);
Luna Nuova in Acquario (24 gen.).

Per chi ama osservare il cielo:  

Il 4 gennaio la Terra si trova al punto più vicino al Sole (perielio). Il 10 gennaio si verificherà una eclissi di Luna parziale di penombra. Nel corso del mese, dalle prime ore serali appaiono a oriente le costellazioni dei Gemelli, del Cancro e del Leone, mentre a occidente si avviano al tramonto le costellazioni dell’Ariete e dei Pesci.

Stelle più luminose:

Sono ancora visibili Andromeda, Perseo e Auriga con la luminosa Capella. La protagonista del cielo di gennaio è la costellazione di Orione, con le sue stelle più brillanti (Betelgeuse, Bellatrix, Rigel e Saiph). Orione è accompagnato dal Cane Minore e Cane Maggiore, con Sirio, la stella più luminosa del cielo invernale.

Pianeti visibili:
Mercurio sarà visibile negli ultimi giorni del mese al crepuscolo.
Venere brilla sempre di più e si può ammirare sempre più a lungo nelle ore serali.
Marte è visibile prima dell’alba.
Giove è inosservabile perché troppo vicino al Sole fino a fine mese, quando riapparirà prima dell’alba.
Saturno è inosservabile perchè troppo vicino al Sole.
Congiunzioni visibili: Luna-Marte (20 gen.); Luna-Giove (23 gen.); Luna-Venere (28 gen.).

IMPORTANTE: Il sistema zodiacale astronomico e quello astrologico sono diversi. L’astrologia da secoli suddivide la cintura zodiacale in 12 segni di durata mensile, mentre l’astronomia nel XX secolo ha codificato 13 costellazioni di durata variabile. In pratica, per via della precessione degli equinozi, quando un pianeta astrologicamente si trova in Leone, nel cielo potrebbe trovarsi nel segno attiguo (per esempio nella costellazione del Cancro).

Photo by Martin Jernberg on Unsplash

Fasi lunari: Luna Piena

La Luna Piena rappresenta il culmine del ciclo lunare. La superficie lunare rivolta verso la Terra è illuminata dal Sole ed è completamente visibile. Il Sole e la Luna si trovano uno di fronte all’altro, a 180 gradi di distanza, separati dalla Terra. Posizionati in due segni opposti tra loro, i luminari ci rendono sensibili alle istanze esterne e disponibili a trovare una mediazione tra istanze diverse. I progetti iniziati con l’ultima Luna Nuova divengono ora evidenti e possono essere soppesati con maggiore chiarezza e obiettività: se ne corregge la direzione o si integrano nuovi elementi, si fanno scelte, per poi portarli a compimento o lasciare andare qualcosa prima del successivo novilunio. La fase di Luna Piena mette in evidenza anche la capacità di relazione e talvolta affiorano crisi interpersonali, che accrescono la nostra consapevolezza di eventuali squilibri da armonizzare.

Photo by David Besh on Unsplash

Fasi lunari: Luna Nuova

La fase di Luna Nuova chiude un ciclo lunare mensile, dando il via a quello successivo. La Luna raggiunge il Sole e i due luminari si incontrano nello stesso segno e grado zodiacale. In questo momento condividono gli stessi obiettivi, la stessa energia, che quindi risulta particolarmente centrata su di sè, omogenea e creativa perchè la Luna, in ombra, fa sue le finalità solari e le amplifica. La Luna prende posto tra il Sole e la Terra. Il Sole ne illumina il lato rivolto verso di sé e per noi nascosto, rendendocela invisibile. Il novilunio rappresenta un momento seminale, un nuovo inizio, in cui ci si confronta con un potenziale da sviluppare nel corso del mese. A livello emotivo si è immersi in un’atmosfera sospesa: una sensazione di possibilità, ricettività o, semplicemente, di calma, che precede qualcosa di ancora ignoto. Ogni mese, analizzando la posizione della Luna Nuova e il segno in cui si trova, possiamo cogliere indicazioni riguardo ai progetti solari più idonei da realizzare. Sintonizzandoci sulle energie e attività che meglio corrispondono alla sua posizione, ci viene regolarmente offerta l’opportunità di scegliere e orientare consapevolmente le nostre iniziative, ricalibrando il nostro processo di crescita. La Luna Nuova è il momento per formulare intenzioni, accogliere nuovi progetti, idee e cambiamenti. In questo lasso di tempo è possibile sentirsi maggiormente inclini all’introspezione, desiderosi di rallentare i ritmi per dedicarsi a creatività, meditazione e riposo ed elaborare in quale direzione muoversi, quali attività e novità integrare nelle prossime 4 settimane.

Photo by Terry Richmond on Unsplash

Luna nuova in Capricorno (26.12.19)

La Luna Nuova di dicembre nel segno del Capricorno è particolarmente intensa e, diversamente dal solito, unisce istanze opposte. E’ infatti associata a un’eclissi di sole e alla congiunzione con il Nodo Sud.
Mentre la Luna Piena è fortemente concentrata sul futuro e sul potenziale pronto per essere integrato nella nostra vita, sia l’eclissi di Sole che il Nodo Sud sottolineano che contemporaneamente è in corso un processo di ripulitura dei vecchi schemi di pensiero e attaccamenti emotivi, che ostacolano la nostra crescita. Si manifesta così un’energia eterogenea, che combina la fine di cose passate e l’inizio di qualcosa di nuovo, amplificata dalle eclissi, che spingono, a volte bruscamente, senza scuse o compromessi, a chiarire e reimpostare la nostra direzione.
L’energia del Capricorno definisce le tematiche su cui focalizzarci durante le prossime settimane. L’attuale stagione dell’eclissi (16 dicembre – 24 gennaio) favorisce una riflessione molto concreta riguardo agli aspetti materiali della nostra vita, a ciò che ci dà stabilità e alla nostra capacità di formulare e perseguire con determinazione e resistenza gli obiettivi per il nuovo anno. Il Capricorno richiede che ci misuriamo con la realtà, dando vita a (pochi) progetti realizzabili e ben strutturati, che sviluppino in noi un senso di radicamento, sicurezza e, soprattutto, fiducia nella nostra capacità di realizzare qualcosa e portare a compimento gli impegni. Facciamo un reality check per eliminare idee vaghe e perdite di tempo. E’ il momento idoneo per mettere a fuoco il futuro, essere realistici e pianificare ciò che bisogna fare per raggiungere gli obiettivi prefissati. Per fare ciò, in questo breve periodo è opportuno raccoglierci in uno spazio tutto nostro, rallentare il ritmo selezionando gli impegni, coltivare solitudine e silenzio, fare rispettare i nostri confini. Abbiamo bisogno di tempo per individuare e cullare in tranquillità gli obiettivi che ci stanno veramente a cuore, per organizzare le azioni con l’intento di raggiungere una maggiore stabilità.
La Luna Nuova avviene in congiunzione con Giove, che ci tramette coraggio e ottimismo per affrontare i limiti e le responsabilità della nostra vita. Il trigono con Urano ci farà individuare modalità innovative e inusuali per pianificare produttivamente i nostri compiti. Il quadrato con Chirone può invece farci sentire impazienti o bloccati, lasciando affiorare dubbi sulla nostra capacità realizzativa. Cerchiamo allora di essere amorevoli con noi stessi e di perdonarci. Incoraggiamoci a guardare comunque avanti, liberandoci dal passato e dall’inerzia: prendiamo in considerazione solo obiettivi a cui teniamo profondamente, fissiamo le priorità, organizziamo una lista con i vari step di lavoro e stabiliamo scadenze flessibili. Consideriamola un’opportunità per confrontarci con le nostre insicurezze e proviamo a pensare che sia un gioco, mettendo da parte giudizi troppo duri su noi stessi e il timore di non farcela.

Per formulare le nostre intenzioni, possiamo usare queste domande:
Che cosa mi dà un senso di autentica sicurezza?
Come gestisco le mie necessità materiali e quante energie devo investire?
Affronto la vita in modo realistico?
Come posso riuscire ad assumermi le responsabilità e portare a termine gli impegni?
C’è qualcosa che posso lasciare andare nel mio modo di gestire la dimensione materiale?
Quali obblighi o regole mi creano maggiore pressione?
Sono in grado di strutturare confini per avere uno scambio equilibrato con il mondo esterno?

Se il tuo ascendente o pianeti personali (Sole, Luna, Mercurio, Venere, Marte) sono compresi tra 0° e 9° di Capricorno, Ariete, Cancro o Bilancia, questa Luna Nuova potrebbe essere particolarmente favorevole per te o di supporto per i tuoi cambiamenti e progetti. L’area del tema natale in cui si manifesta questa eclissi/Luna Nuova permette di comprendere in quale ambito della nostra vita assisteremo al rilascio di strutture superate e alla costruzione di qualcosa di nuovo. Per scoprire di più, puoi prenotare una consulenza personalizzata.

Canzone per questa Luna Nuova: Simon & Garfunkel, I am a rock.

Luna nuova in Capricorno (04°06′), 26 Dicembre 2019 ore 06:11 CET – Saturno in Capricorno (20°43′).

Photo by Alexa Williams on Unsplash

Natale, la rinascita del Sole

Non è un caso che la festa del Natale si celebri nei giorni successivi al Solstizio d’inverno (21 o 22 dicembre). Il termine Solstizio significa “sole fermo”. Da un punto di vista astronomico, quello invernale si verifica quando il Sole raggiunge il Tropico del Capricorno, il punto più a sud del suo viaggio annuale e più lontano dal piano equatoriale. Nel giorno del Solstizio il Sole sorge nel punto più meridionale dell’orizzonte est e culmina a mezzogiorno alla minima altezza. Nell’emisfero settentrionale la luce solare è al minimo e assistiamo alla notte più lunga e al giorno più corto dell’anno. Fino al 24 dicembre il Sole sembra arrestare il suo percorso nel cielo, tramonta e sorge apparentemente dallo stesso punto, per poi il 25 dicembre riprendere gradualmente la sua ascesa sull’eclittica: la luce del giorno inizia lentamente ad aumentare e il buio della notte si riduce fino al Solstizio d’estate (giugno).
In sintesi, durante il Solstizio d’inverno il Sole raggiunge il minimo della sua luminosità e del suo calore e, dopo un momentaneo arresto, dal 25 dicembre le giornate si allungano, la temperatura da febbraio diventerà più mite. Nel giorno di Natale avviene, dunque, una svolta: il Sole rinasce, torna vitale, l’irradiazione si espande, mentre le tenebre si ritirano, spinte via dalla luce crescente. Si preannuncia l’arrivo delle stagioni più calde e luminose.
Soffermiamoci sul significato simbolico del percorso del Sole in relazione con la vita della natura (e quindi anche degli esseri umani) sulla Terra. L’inverno anticamente era associato con fame e mortalità elevata. Il cambio di rotta del Sole solstiziale annunciava il ritorno di tempi migliori e rappresentava una promessa di salvezza: il risveglio della natura, la possibilità di coltivare, sostentarsi e fare riserva per i successivi periodi freddi. Prima del Cristianesimo, nei giorni intorno a Natale in varie culture si celebravano alcune festività legate al Sole, ad esempio quella del Sole invitto (invincibile), per rendere omaggio alla vittoria della luce sulle tenebre. Il Sole sconfigge il freddo e l’oscurità, ovvero ciò che ostacola la vita. Le lunghe notti invernali non sarebbero durate per sempre, la vita non sarebbe stata sempre così dura, le giornate luminose, di calore e abbondanza sarebbero tornate nuovamente e, con esse, il dono della vita.
Molte caratteristiche degli antichi culti solari sono successivamente confluite nella festività del Natale. Al di là del senso religioso, o a fianco ad esso, in questo giorno speciale coltiviamo il significato originario e la semplicità del Natale: festa della rinascita di Luce e Speranza, in cui lasciare germogliare dentro di noi la fiducia in nuove possibilità, nel ritorno della primavera, nel riaccendersi della vita e di tutti i suoi doni. I miei migliori Auguri.

Photo by George Hiles on Unsplash

Luna piena in Gemelli (12.12.19)

HAVE YOURSELF A MERRY LITTLE CHRISTMAS…La Luna Piena in Gemelli, l’ultima Luna Piena dell’anno, coincide con il culmine del processo di esplorazione di nuovi progetti per il futuro iniziato a fine novembre con la Luna Nuova in Sagittario. Ora la Luna si trova nel segno opposto: qui possiamo integrare nuove idee e stimoli per continuare ad ampliare i nostri orizzonti. E’ un momento favorevole per incontrarsi con gli amici, conversare con chi circonda, beneficiare di nuove informazioni e idee. Condividiamo le nostre esperienze e ascoltiamo ciò che gli altri hanno da dire, annotando le informazioni utili, notizie importanti che attendevamo da tempo, i messaggi e le verità che affioreranno in questo periodo. La Luna Piena in Gemelli, come un’amica briosa e chiacchierona, ci prende per mano e ci dice: “Vieni, usciamo!”. Ascoltiamola e, con leggerezza e curiosità, afferriamo le varie occasioni che si presenteranno nelle prossime due settimane per immergerci nel mondo esterno ed entrare in contatto con altre persone. Sono i giorni del carosello natalizio: regali, scambio di auguri, cene con amici e colleghi. E’ una Luna Piena frizzante, socievole, spesso divertente, che ci fa incastrare impegni e diventare multi-tasking, ma anche un po’ distratti e incostanti. Non rinunciamo quindi a qualche momento di tranquillità e, soprattutto, continuiamo a coltivare i propositi nati con la Luna Nuova in Sagittario.
Questo mese il ciclo lunare è all’insegna dei segni mutevoli e la Luna Piena nasce in quadratura con Nettuno in Pesci, quindi potrebbe esserci più confusione e frenesia del solito. A scanso di equivoci, quando comunichiamo o prendiamo impegni, meglio definire subito i dettagli. Essendo questa Luna Piena governata da Mercurio in Sagittario, potremmo essere particolarmente disponibili a osservare situazioni e persone da un punto di vista più ampio e benevolo. Oltre allo stellium stabilizzante in Capricorno, c’è un’enfasi su Chirone, che torna diretto nelle ore successive al plenilunio, e siamo ormai prossimi alla stagione delle eclissi, dal 26 dicembre fino al 10 gennaio.
Con la Luna Piena in Gemelli, per continuare a sviluppare le intenzioni dell’ultimo novilunio, possiamo focalizzarci su tutto ciò che riguarda comunicazione, spostamenti, apprendimento.
Il tuo Ascendente o pianeti personali (Sole, Luna, Mercurio, Venere, Marte) sono compresi tra 16° e 22° di Gemelli, Vergine, Sagittario o Pesci? Questa Luna Piena potrebbe essere particolarmente favorevole per te o di supporto per i cambiamenti e progetti che stai portando avanti.

Canzone per questa Luna Piena: Frank Sinatra, Have Yourself a Merry Little Christmas.

Luna piena in Gemelli (19°51′), 12 Dicembre 2019 ore 06:11 CET – Mercurio in Sagittario (04°06′).

Photo by Ben White on Unsplash