Il cielo di febbraio 2020

Di seguito trovi le riflessioni e le linee guida per il mese di febbraio 2020 e i consigli per organizzare le prossime settimane con l’aiuto dell’astrologia.
Febbraio avrà un tono relativamente tranquillo, visto che si verificheranno aspetti meno intensi, sia armonici che disarmonici, tra i pianeti rispetto a quelli degli ultimi mesi. Forse  questo clima ci darà modo di lasciare momentaneamente da parte le energie e gli eventi di gennaio, rivolgendo la nostra attenzione sui prossimi mesi. L’aspetto più frequente nel cielo di febbraio sarà il sestile, un aspetto di supporto, piuttosto agevole e di scarsa intensità.
La Luna Piena nel segno del Leone (9 febbraio) potrebbe alleggerire e illuminare l’atmosfera, facendoci ritrovare fiducia e centratura in noi stessi e reclamare il nostro posto. La Luna e il Sole, trovandosi nei segni opposti del Leone e dell’Acquario, saranno lasciati tranquilli dai pianeti in Capricorno, la cui enfasi è comunque ancora forte.
La Luna Nuova in Pesci (23 febbraio) sarà congiunta a Mercurio e ci darà accesso a una dimensione ricca di ispirazione, compassione, emozione. Rispetto al percorso da seguire,  saremo guidati dall’intuizione, anziché dall’emisfero sinistro.
Diversi pianeti cambieranno segno nel corso del mese:
3 febbraio: Mercurio entra in Pesci;
7 febbraio: Venere entra in Ariete;
16 febbraio: Marte entra in Capricorno;
19 febbraio: Sole entra in Pesci.
Mercurio resterà nel segno dei Pesci per circa 2 mesi: dal 17 febbraio inizierà il suo moto retrogrado, che lo riporterà in Acquario all’inizio di marzo, per poi ritornare diretto il 9 marzo e rientrare in Pesci (16 marzo), dove resterà per quasi tutte le 4 settimane successive. Avremo l’opportunità di ampliare la comunicazione e l’attività mentale nell’area del nostro tema natale, in cui cade il segno dei Pesci. Forse ci sentiremo più irragionevoli, distratti, confusi e disorganizzati, ma, superando l’iniziale frustrazione, potremmo scoprire di essere più intuitivi e inclini a esplorare sentimenti ed emozioni solitamente difficili da esprimere.
Marte farà il suo ingresso in Capricorno il 16 febbraio e vi resterà 6 settimane. Passando in questo segno motivato e realistico, Marte farà riemergere un senso di urgenza, pressione e intensità relativamente ai progetti a lungo termine. Marte, Giove e Saturno, tutti contemporaneamente in Capricorno, faranno pressione affinché restiamo concentrati nella realizzazione dei nostri piani.

Per chi ama osservare il cielo:
Stelle più luminose:
Il cielo è ancora dominato dalle grandi costellazioni invernali. Protagonista del cielo in direzione meridionale sono sempre Orione, Betelgeuse (rossa) e Rigel (azzurra).
Più in alto ci sono ancora le costellazioni del Toro con la rossa Aldebaran, la costellazione dell’Auriga con la luminosa stella Capella e i Gemelli con le stelle principali Castore e Polluce. A sinistra in basso rispetto ad Orione, nella costellazione del Cane Maggiore, brilla la stella più luminosa del cielo: Sirio. Ancora più in alto, verso sinistra, il Cane Minore, dove risplende Procione. Verso Ovest, nelle prime ore della sera, si vedono tramontare le costellazioni autunnali di Andromeda, del Triangolo, dei Pesci e dell’Ariete.
Prendendo a riferimento la Stella Polare, si riconoscono alcune  costellazioni del cielo settentrionale: a Nord-Ovest Cassiopea con la sua caratteristica forma a “W”; tra Cassiopea e il Toro si vede la costellazione di Perseo.
Più a Nord-Est si trovano l’Orsa Maggiore e la piccola costellazione dei Cani da Caccia.
Pianeti visibili:
Mercurio: visibile per circa un’ora dopo il tramonto, si riavvicina al Sole e il 26 febbraio si trova in congiunzione con esso.
Venere: è l’unico pianeta osservabile in orario serale.
Marte: è ancora osservabile prima dell’alba a Sud-Est.
Giove: visibile prima dell’alba sull’orizzonte sud-orientale.
Saturno: osservabile poco prima dell’alba sull’orizzonte a Sud-Est.
Congiunzioni visibili:
Luna–Marte: prima dell’alba del 18 febbraio;
Luna–
Giove: al mattino del 19 febbraio;
Luna–Saturno: la falce lunare è ormai molto sottile e la si può osservare al mattino presto del 20 febbraio tra Saturno e Giove, preceduti da Marte.
Luna–Venere: osservabile ad occidente la sera del 27 febbraio.

IMPORTANTE: Il sistema zodiacale astronomico e quello astrologico sono diversi. L’astrologia da secoli suddivide la cintura zodiacale in 12 segni di durata mensile, mentre l’astronomia nel XX secolo ha codificato 13 costellazioni di durata variabile. In pratica, per via della precessione degli equinozi, quando un pianeta astrologicamente si trova in Leone, nel cielo potrebbe trovarsi nel segno attiguo (per esempio nella costellazione del Cancro).

Photo by Vittorio Staffolani on Pexels