L’ampiezza di un cerchio

Quante volte, osservando l‘orologio astronomico di Praga (Orloj) su siti e giornali, ho pensato che fosse bellissimo. Ora, dopo averlo ammirato con i miei occhi, riconosco non solo la sua bellezza e unicità, ma anche la genialità dei suoi creatori e l’armonia tra Terra e Sistema Solare, che esso riflette. L’Orloj mostra lo sviluppo del tempo come ciclicità, ripetizione regolare, applicata allo spazio. Dalla piazza principale di Praga, un puntino sul pianeta Terra, l’orologio ci porta ad aprire la nostra mente e immaginare la rotazione del nostro pianeta proiettata in uno spazio più ampio. Questo orologio rappresenta un punto di convergenza tra macro- e microcosmo. Una frase di Anaïs Nin viene in mio aiuto per esprimere ciò che intravedo in questo meccanismo: “La vita è un cerchio che si allarga fino a raggiungere i movimenti circolari dell’infinito“. L’Orloj semplicemente mostra lo scorrere della vita nello spazio e nel tempo. E’ un‘opera capace di suscitare meraviglia in chi la guarda ancora oggi, un tempo che illude che tutto sia stato spiegato e poco si dedica a immaginare quel meccanismo che chiamiamo realtà. Tecnicamente l‘Orloj è costituito da 2 dischi: in alto l‘orologio astronomico (1410) e in basso il calendario (1490). Il quadrante astronomico ha la forma di astrolabio. La Terra è rappresentata nei vari momenti della giornata. Due lancette indicano l‘orbita di Sole e Luna (con le sue fasi) sull’eclittica. L‘ora e‘ indicata in 3 modi diversi: ora solare, boema e babilonese. Il calendario indica giorno del mese e della settimana, mese e Santo del giorno. Al centro il simbolo di Praga e attorno ad esso la raffigurazione dei mesi (attraverso scene di vita tipiche dei vari periodi dell‘anno) e dei corrispondenti segni zodiacali. Allo scoccare di ogni ora l‘orologio prende vita, mettendo in moto la processione dei 12 apostoli. Per saperne di più sull’orologio astronomico di Praga:  https://it.wikipedia.org/wiki/Orologio_astronomico_di_Praga